A Lugano, Galleria o Atelier? Gallelier!

Bon, gran bella idea quella di K 10 a Lugano! Nella città “giusta”, da sempre in Ticino luogo di incontro e interscambio tra la cultura più tipicamente svizzera/mitteleuropea con quella italiana/mediterranea, nasce uno spazio di interscambio tra ricerche artistiche e culturali diverse, e a far da “fulcro” Klaus Mühlhäusser, artista tedesco da tempo trapiantato sul Ceresio. E’ lui, con spirito ammirevole tanto quanto intraprendente, ad aprire il proprio nuovo atelier per farne non solo il luogo deputato alla lavorazione e presentazione della propria arte, ma anche spazio di colloquio, di confronto, magari di interdisciplinarietà e intescambio mai sterili (come a volte, in arte e nella cultura, risultano certi “dialoghi” reciproci, invero vane competizioni di natura prettamente egoistica e inevitabilmente autoincensativa) ma possibilmente atti a fruttuosi effetti… Spazi aperti del genere sono preziosi ovunque, e fortunata è Lugano a custodirne ora uno, dacché se ben intrecciato con il tessuto sociale cittadino, la città non potrà che trarne un gran giovamento, e elencare un altro vanto da esibire ai tanti altri – artistici (questo ad esempio, o quest’altro) e non – dei quali i visitatori possono godere.

foto_k10_lugano.jpg

Mercoledì 12 Dicembre scorso a Lugano si è inaugurato K 10, lo studio di Klaus Mühlhäusser, il primo atelier d’artista in Canton Ticino, con il chiaro intento di essere fucina creativa e, al contempo, habitat che ospiterà mostre, performances ed eventi sotto il segno della sperimentazione artistica in un continuo confronto tra ricerche di artisti diversi. Il primo del genere, appunto, nella Svizzera Italiana.
K 10 é uno studio d’artista.
K 10 è un luogo di esposizione ed anche di creazione.
K 10 è uno spazio da interpretare e vivere sotto il segno della sperimentazione artistica, in un confronto tra ricerche di artisti diversi.
“.
La mostra «12.01-12.12.07», a cura di Marta Casati e con la consulenza di Christine Bader, si compone delle opere realizzate nell’ultimo anno dall’artista tedesco. Intrecci modulari di acrilici, colle e carta si dispongono in uno spazio articolato che conserva la struttura originaria. Involucri di carta velina – esposti a una sola apparente precarietà – sono ospiti della Project-Room che per l’occasione diviene “Paper-Room” nella sua rigorosa veste black/white.
Per anni Klaus Mühlhäusser si è confrontato con il mezzo pittorico, sperimentando assetti strutturali e composizioni. Il suo gesto si è mantenuto repentino, immediato, senza mai cadere in eccessi o violenze cromatiche. La sua più recente ricerca è piuttosto focalizzata all’incontro tra materiali diversi, ognuno colto e analizzato nelle sue più povere componenti. Colla, carta e scotch si scoprono gli ingredienti più adatti per creare nuovi impianti architettonici e di matrice scultorea.
Scrive Marta Casati nel testo critico:
«La manualità agìta dall’artista si plasma agendo sulla ruvidità del supporto o sulla più lucida patina delle superfici in gioco. Il supporto bidimensionale è costretto a rinunciare alla composizione di piatto inquadramento per orientarsi verso un ventaglio di aperture e interazio-ni: è pronto ad affidarsi a un risvolto nuovo, a una nuova prospettiva, a una soluzione diversa.»

foto_box9_muhlhausser.jpg
Opera: box9

Klaus Mühlhäusser è nato nel 1965 a Treuchtlingen (Germania) e dal 1992 vive e lavora a Lugano. Negli scorsi anni ha presentato i suoi lavori in mostre personali:
1995 – Milano, a cura di Walter Schönenberger, storico dell’arte già Direttore dei Musei di Lugano;
2001 – Lugano, a cura di Tommaso Trini dell’Accademia di Brera Milano;
2005 – Lugano, a cura di Giuseppe Curonici, critico d’arte già Direttore della Biblioteca Cantonale di Lugano.
La curatrice, Marta Casati, è laureata in Storia dell’Arte Contemporanea all’Università di Lettere e Filosofia di Firenze, ha lavorato come responsabile della pagina della cultura a Il Corriere di Firenze, a Milano nel Gruppo Rizzoli, scrivendo nelle pagine di cultura, libri e arte su ANNA e in redazione della casa editrice Sperling & Kupfer collaborando con ViviMilano de Il Corriere della Sera. Scrive per le riviste internazionali Eyemagazing e The New York Arts Magazine.
La gallerista, Christine Badér, è consulente d’arte, già Registrar della Fondazione Thyssen-Bornemiza di Lugano (Villa Favorita) e precedentemente direttrice dello studio SICMAS di Carrara e collaboratrice di Louise Bourgeois, Augustin Cardenas, Cesar ed altri artisti. Oggi titolare di Art Consultant di Lugano, specializzata in scultura contemporanea ed organizzatrice di mostre.

Infos:
Klaus Mühlhäusser, «12.01 – 12.12.2007»
Dal 13 al 23 dicembre 2007
dalle 15 alle 19 e su appuntamento nei mesi successivi
presso: K 10
Via Lavizzari 10 – Lugano (Ch)
Info: 0041 765616784
Web: www.klausmuhlhausser.ch
info@klausmuhlhausser.ch
Catalogo con testi in italiano e inglese.

1 Commento

Archiviato in Di cose belle

Una risposta a “A Lugano, Galleria o Atelier? Gallelier!

  1. Ciao mi chiamo Alex Dorici sono di Lugano e di nazionalita italoportoghese attualmente vivo a Parigi da tre hanni ma faccio spesso delle andate e ritorno, io vi contatto perché vorrei tanto poter esporre la mia ultima opera nel vostro spazio.
    In effetti io sono un dei fondatori storici del primo spazio culturale espositivo ed atelier per artista che sia nato a Lugano nel 2000 infatti avevamo io ed i miei colleghi artisti una vecchia fabbrica di 600 m² a Viganello di nome Artelier la quale dopo tre anni di esistenza é stato distrutto poiche rientrava nei piani di rivisione del quartiere …….. Grave perdita comunque tuttora abbiamo un atelier adibito anche a sala espositiva che si trova a Lugano centro in via bossi 12. Insomma vi mando le mie coordinate la pagina del mio sito in cui si possono vedere le foto del lavoro che mi piacerebbe esporre nel vostro spazio ed aspettando una risposta vi saluto e vi auguro buon lavoro .Si potrebbe anche discutere su come utilizzare i nostri spazi espositivi per organizzare una primissima notte bianca a lugano.Comunque io son pronto a tutte le collaborazioni

    Alex Dorici

    info@alexdorici.ch
    tel france 0033633958579
    tel suisse 0041763984377

    http://www.alexdorici.ch/index.php?option=com_gallery2&Itemid=46&g2_view=core.ShowItem&g2_itemId=1001

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...