Chiara Dynys a Bergamo, quando la santità è donna (e ben più “degna” di tante altre…)

Beh, non si può non arrivare in zona 8 Marzo – dico e ribadisco da subito, evitando qualsiasi stupida strumentalizzazione di questa data nonché, in fondo, il valore stesso del giorno in quanto “festa”, affinché ogni giorno dell’anno sia un 8 Marzo – dicevo, non si può giungere vicini al giorno canonicamente votato agli onori tributati al gentil sesso senza segnalare una mostra espressamente dedicata all’altra metà (e forse più) dell’umano cielo, in corso presso la Galleria Fumagalli di Bergamo – esposizione dal titolo bellissimo e accattivante, a mio parere, ironico e insieme provocatorio e peraltro mooooolto più meritoriamente realistico di quell’invocazione da cui prende spunto, dedicata in tutt’altri ambiti alla celebrazione di “icone/iconografie” che a loro volta, di rimando, sono celebrazioni di suggestioni di massa funzionalmente create e imposte al desiderio diffuso di iconofilia… No, le donne invece non sono icone – non in quel senso, effimero e artificioso – ma, in tutta la loro inestimabile, concretissima umanità, hanno sovente meritato una autentica virtù di “santità” che peraltro quasi mai è stata loro riconosciuta – anche nell’arte, mondo così libero ed emancipato all’apparenza eppure a sua volta, come denuncia Chiara Dynys, incapace di rigettare il maschilismo più o meno accentuato che ha ostacolato la vita e l’opera di molte artiste…
E dunque, visitando la mostra in Galleria Fumagalli e, come facilmente potrà accadere, lasciandosi coinvolgere con liberissima emotività dalle opere di Chiara Dynys esposte in essa, recependone con consapevole completezza il loro messaggio di rivalsa e di affermazione universale (non solo, in effetti, di matrice femminile, dunque): non sarebbe un buon modo (e virtuoso) di onorare l’essenza e la presenza femminile nel nostro mondo quotidiano?
A voi:

foto_chiaradynys.jpg

Fino al 19 Aprile 2008
Chiara Dynys, “Sante Subito”
Galleria Fumagalli, Bergamo

Chiara Dynys nasce a Mantova nel 1958, vive e lavora a Milano.
Appartiene ad una generazione di artisti che respinge ogni concetto di stile , di cifra per poter scegliere nella più ampia libertà temi e concetti per intervenire nel linguaggio dell’arte.
Il contatto con l’osservatore, che si riscontra sempre nelle sue creazioni, è talmente voluto e sollecitato che lo stesso spesso si trasforma in attore in quanto coinvolto emotivamente.
“Santo subito!” è l’invocazione popolare che chiede la beatificazione di qualche personaggio riconosciuto unanimemente come degno di santificazione, senza aspettare i lunghi anni di canonizzazione ufficiale: in questa mostra, espressamente pensata per la galleria Fumagalli, con il titolo “Sante subito!” Chiara Dynys rende omaggio a tutte le artiste donne della storia, degne di essere santificate per le virtù eroiche e i patimenti subiti in vita e anche oltre.
Le dodici opere che danno il titolo alla mostra, e che assumono l’aspetto di una singola grande installazione, quasi di una sacra rappresentazione, sono costituite da altrettante corone di spine, realizzate in ceramica, ciascuna delle quali porta all’estremità di ogni spina una lettera che va a formare il nome dell’artista che metaforicamente è costretta a portarla. Da Artemsia Gentileschi a Diane Arbus, da Paula Modersohn a Eva Hesse, attraverso le corone di spine sono rappresentate le artiste di tutti i tempi che, a dispetto del ruolo subordinato cui erano costrette, hanno continuato il proprio lavoro e pagato sulla propria pelle il marcato – o sottile – ostracismo maschilista che ha dominato i sistemi dell’arte.
Al piano inferiore della galleria, un altro ciclo di opere, anch’esso inedito, ci trasporta tra paesaggi di science fiction, realizzati con la tecnica dei lenticolari (immagini cangianti a seconda del punto di vista dell’osservatore). Come tutte le immagine e le storie di science fiction, si tratta di immagini fantastiche legate tuttavia a una probabilità di futuro, a una possibilità di sviluppo futuro, a un modello possibile: qui, le nove immagini mostrano il prima e il dopo del mondo, dove fortunatamente basta un impercettibile movimento degli occhi per tornare alla fase iniziale, ancora incorrotta.
La collaborazione dell’artista con la Galleria Fumagalli inizia nel 1999 con l’allestimento di una mostra personale negli spazi della galleria che comprende anche una performance della ballerina Luciana Svignano. È del 2002 la sua seconda personale, in occasione di questa rassegna titolata Defragmentation è stata organizzata una conferenza sul lavoro dell’artista tenuta da Dieter Ronte, direttore del Kunstmuseum di Bonn.
Dal 2002 ad oggi l’espressione artistica e culturale di Chiara Dynys ha avuto riscontri oggettivi non solo in Italia ma anche all’estero.
Nel 2003 espone a Darmstadt, Institut Mathildenhoehe, nel 2005 espone a Karlsruhe presso il ZKM-Museum fur Neue Kunst ed a Lugano al Museo Cantonale d’Arte nel 2007.
Sul web: http://www.chiaradynys.com/

La Galleria Fumagalli nasce a Bergamo in Via Giorgio Paglia 28 nel 1971, fondata da Alberto Fumagalli. Negli anni la sede della galleria si è spostata in altri spazi, ma dal 1990 è ritornata nella sua ampia sede originale. Nel 2004 la galleria ha aperto il nuovo spazio espositivo, più esteso, con la mostra collettiva AAVV:30.
Dal 1995 ad oggi la galleria è diretta da Stefano Fumagalli ed Annamaria Maggi che hanno scelto di seguire un programma storico sull’arte informale, sull’arte povera e sull’astratto con, recentemente, uno sguardo anche all’arte più giovane, rappresentando alcuni grandi artisti del XX secolo.La Galleria organizza 4/5 mostre personali all’anno, ed alcune collettive, negli ampi spazi della sua sede di Bergamo (650 mq), che ottengono grande affluenza di pubblico e importanti riscontri mediatici. Negli anni ha attivato alcune collaborazioni con musei nella realizzazione di mostre personali di: Giuseppe Uncini (Palazzo Fabroni, Pistoia 2000; Städtische Kunsthalle, Mannheim 2001), Marco Tirelli (Institute Mathildenhöhe, Darmstadt 2002; GAM, Bologna 2003), Agostino Bonalumi (Fondazione Peggy Guggenheim, Venezia 2002; Institute Mathildenhöhe, Darmstadt 2003. Museo della Permanente, Milano 2005), Giorgio Griffa (Institute Mathildenhöhe, Darmstadt 2005; Museo della Permanente, Milano 2005), Gilberto Zorio (Museo della Permanente, Milano 2005), Enrico Castellani (Museo Pushkin, Mosca).
Inoltre partecipa ad importanti Fiere Internazionali.
La Galleria gestisce i seguenti archivi: Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Giorgio Griffa e Giuseppe Uncini, Marco Tirelli e Gianfranco Pardi.
Molto importanti, nell’attività della Galleria, sono le pubblicazioni, (la galleria è anche casa editrice con il marchio Edizioni Galleria Fumagalli).
Il catalogo dei libri già editati ospita 61 titoli (realizzati dal 1991 ad oggi) in cui spiccano 10 edizioni fatte per musei italiani ed esteri ed un catalago ragionato dell’opera dell’artista Carla Accardi.
I prossimi cataloghi ragionati riguarderanno l’opera di Enrico Castellani, Giuseppe Uncini e Agostino Bonalumi.
Nel 2005 la galleria ha collaborato all’organizzazione, per lo spazio pubblico della Chiesa gotica di Sant’Agostino a Bergamo, dell’importante manifestazione pubblica dal titolo “Visioni. 20 artisti a Sant’Agostino” curata da Annamaria Maggi.
In futuro l’obbiettivo della Galleria è quello di ampliare l’impegno culturale attivando nuove collaborazioni con artisti e critici, di migliorare l’attività editoriale, attivando collaborazioni con prestigiose case editrici, e perfezionando la cura degli archivi che si pregia di avere in gestione.

Infos:
Fino al 19 Aprile 2008
Chiara Dynys, “Sante Subito”
Galleria Fumagalli
Via Giorgio Paglia 28
24122 Bergamo, Italia
Tel. +39 035/210340
Fax +39 035/222674
info@galleriafumagalli.com, http://www.galleriafumagalli.com/
Annamaria Maggi: annamaria.maggi@galleriafumagalli.com
Segreteria: Lidia Legrenzi, lidia.legrenzi@galleriafumagalli.com

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Di cose belle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...