Modo Infoshop, Bologna: venerdì 19 libri, sabato 20 storie…

foto_logo_modoinfoshop1

Presentazione libri,
VENERDI’ 19 DICEMBRE 2008, ore 18.30:

Un viaggio lungo 40 anni. Senza orario senza bandiera
un libro di Antonio Oleari (Aereostella edizioni)

Saranno presenti l’autore, Iaia De Capitani e Vittorio De Scalzi dei New Trolls.

40-anni

Quattro vite artistiche: Fabrizio De André, Gianpiero Reverberi, I New Trolls, Riccardo Mannerini. Una città: Genova. Un anno che parla da sol 1968. Tutto in un disc Senza orario senza bandiera, quello Irish, di Joe, di Padre O’Brien e tanti altri personaggi. Un viaggio lungo quarant’anni fatto di musica, poesie, strette di mano e precoci addii, attraverso i sentieri di una generazione spinta alla conquista del mondo. A fare da cornice, e non solo, la Genova degli anni Settanta, una città che da sempre riesce ad affascinare letterati e poeti, musicisti e pittori. Tutt’attorno un ’68 che grida…

Antonio Oleari, si occupa da alcuni anni di Rock Progressivo nel programma radiofonico “Prog Generator” e collabora con il quaderno trimestrale contrAPPUNTI a cura del Centro Studi per il Progressive Italiano.

* * *

Storie:
SABATO 20 DICEMBRE 2008, ore 21.00:

Prigioniero di me stesso
Liberamente ispirato ai diari di Birger Sellin
Uno spettacolo di Matteo Tarasco e Salvatore Rancatore

prigioniero

Vorrei tanto trovare una via d’uscita dalla mia vita d’isolamento da comportamenti decadenti nei quali mi barrico, non vivo che frustrazioni giorno dopo giorno senza speranza è come essere sepolti vivi, la mia solitudine è come un proliferante grumo dell’anima… Il mondo visto dalla prospettiva di un autistico, è come una nave che affonda e inventa assurdità per non accorgersene, io sono il primo ufficiale di questa nave e la mia assurdità ha una vera grandezza da emarginato autoinventata.

Questi versi che ricordano Shakespeare, Artaud, Rimbaud appartengono a Birger Sellin: ragazzo autistico non guarito che comunica solo attraverso il computer.
Prigioniero di me stesso è una raccolta di testi, un insieme di comunicazioni personali e familiari, poesie, lettere e riflessioni che rappresentano per questo ragazzo l’unica forma di espressione dal carcere del proprio io.
Non, quindi, il balbettio di un folle che non ne vuole sapere dei suoi simili, ma una richiesta di aiuto urlata da un mondo oscuro ed incomprensibile; testi che prorompono da una profonda disperazione, foschi, misteriosi, carichi di solitudine, scritti in un linguaggio estremamente compatto, e a tratti ironico.
Prigioniero di me stesso non vuole essere uno spettacolo, ma un luogo dell’anima, un veicolo attraverso il quale in molti potranno avere per la prima volta qualche notizia dall’intimo dei soggetti autistici, da un mondo dove la solitudine supera i confini della nostra immaginazione.
Noi vogliamo creare una scatola dei sogni per tutte quelle persone che si sentono imprigionate nella impossibilità di essere come realmente vorrebbero essere.

——————————————————————-

Per ogni ulteriore dettaglio:
MODO infoshop – Interno 4 Bologna
Via Mascarella, 24/b e 26/a
40126 Bologna
tel. 051/5871012
info@modoinfoshop.com
www.modoinfoshop.com
www.myspace.com/modoinfoshop

——————————————————————————————-

PROMEMORIA…:

copertina_libero_piccola

Libero
il nuovo romanzo di Luca Rota
(Giraldi Editore)
sta arrivando…
…presto, in tutte le librerie…

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Di cose belle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...