Fiera del Libro di Torino 2009: qualche appunto da un visitatore thuleano…

fieralibro_2009

Di cronache sull’edizione 2009 della Fiera del Libro di Torino, appena conclusa, ne troverete a bizzeffe ovunque, fuori e dentro il web… Qui voglio solo appuntare qualche rapida considerazione su una visita appassionata e inevitabilmente interessata alla Fiera dello scrivente, a Torino direttamente da Thule…:
1. Buona organizzazione e qualità espositiva (ovvero di espositori e di cose esposte), la fiera mantiene il livello conseguito già da qualche anno, dando a chi la visita una considerabile soddisfazione.
2. Tanta gente, al punto di generare la solita illusione che non siano veri i dati che sanciscono l’Italia come uno dei paesi dove si legga meno in assoluto – ma ho scritto “illusione”, ahinoi…
3. In conseguenza del punto 2, sorge il dubbio che vi siano troppi libri, e troppi editori (o potrei anche scrivere troppo buoni editori) per il mercato nel quale finiscono… Non è tuttavia un problema di quantità, ma di scarsità di lettori, ovvero di comunicazione della cultura, dunque di cultura diffusa…
4. Un dubbio, però: che molti visitatori, troppo superficialmente, prendano la Fiera solo come una specie di gigantesca libreria dove fare acquisti possibilmente scontati, piuttosto che un’occasione unica per conoscere più approfonditamente il panorama letterario nazionale?
5. …D’altronde pochissimi sono i mass-media presenti in maniera “istituzionale”, soprattutto quelli della carta stampata: a parte un paio, tutti gli altri latitano, dando la netta impressione che ad essi importi normalmente ben più di fare un articolo sulle tettone del Grande Fratello piuttosto che su qualche buon scrittore/libro…
6. In ogni caso molti di quelli esposti sono buoni libri: in generale vale l’equazione “buona qualità dove c’è poca quantità” e viceversa, e vedere molta meno gente nel padiglione dove si trovano i piccoli editori rispetto a dove stanno i grandi è segno forse casuale ma anche piuttosto indicativo.
7. Molti personaggi celebri presenti, apparentemente ben disposti verso i propri “ammiratori”, fortunatamente!
8. Molti spazi dedicati alla letteratura per bambini/ragazzi, forse (anche qui) fin troppo per la presenza in fiera dei suddetti potenziali lettori…
9. Non troppa gente nello spazio dedicato all’Egitto, paese ospite di quest’anno; ce n’era di più da Israele, paese ospite dello scorsa edizione…Casualità o segno dei tempi presenti?
10. Nel complesso un evento ormai necessario, per l’Italia, al quale augurare di crescere sempre più – e far crescere di quantità e qualità la schiera dei lettori italiani!

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Di riflessioni Thuleane..., Di tutto di più!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...