Da giovedì 01/10 a Bologna il LABORATORIO COMICO di Bruno Nataloni

BRUNO_NATALONI
Bruno Nataloni on stage

“Contro il logorìo della vita moderna”, vuoi passare un paio d’ore antistress divertendoti e imparando a far divertire? Ridendo e imparando a far ridere?

Da giovedi 1 ottobre 2009 dalle 18 alle 20 presso il Circolo “La Fattoria”, via Pirandello 3 Bologna:

LABORATORIO COMICO
con Bruno Nataloni

Il Laboratorio avrà cadenza settimanale (sempre il giovedi dalle 18 alle 20) e sarà costituito da due livelli (indipendenti, si possono frequentare entrambi o sceglierne uno).
Il primo livello, intitolato “Si fa per ridere”, da ottobre a dicembre.
Il secondo livello, intitolato “Narrarsi”, da dicembre a gennaio.

Prezzi popolari:
60 euro al mese (Sconti per i soci Coop)

Per ulteriori informazioni e iscrizioni:
338-8521127
Non esitare! Prima lezione di prova gratuita!

Livello “SI FA PER RIDERE”:
GIOCHI DI DISINIBIZIONE
• Giochi mirati a cementare il gruppo.
• Giochi mirati a sviluppare la disponibilità al “lasciarsi andare”.
• Giochi mirati a sviluppare fiducia nelle proprie capacità.
• Giochi mirati alla costruzione di un’atmosfera di “assenza di giudizio”.
COSTRUZIONE DEL PERSONAGGIO COMICO
• Tecniche di base del clown teatrale.
• Carattere e “punto di vista” del personaggio comico.
• “Eccesso” e “Contrasto”.
ELEMENTI DI SCRITTURA COMICA
• Concetto di “crescendo drammatico”.
• Il monologo.
• Concetto di “conflitto drammatico”.
• Lo sketch.
• Analisi della battuta comica ed esercizi di costruzione.
LA COPPIA COMICA
• Primo Zanni e Secondo Zanni nella Commedia dell’Arte.
• “Bianco” e “Augusto” nella tradizione circense.
• La “Spalla” e il “Comico” nella tradizione dell’ Avanspettacolo e della Rivista.
• Il “Doppio Parodico” nel cinema americano.
• Analisi di alcune coppie comiche storiche.
• Il Trio e il Quartetto.

Tutto il programma verrà integrato con la visione di audiovisivi e verrà suggerita una bibliografia.

Livello “NARRARSI”
Laboratorio teatrale per uomini e donne con un passato da raccontare…

Il laboratorio ha come finalità la messa in scena di testi creati dai partecipanti. Il materiale drammaturgico verrà attinto dal patrimonio di memorie che ogni membro del gruppo vorrà donare. Non un corso di teatro basato su testi conosciuti ma un’ esperienza molto coinvolgente nella quale mettersi in gioco con emozione. Al piacere di recitare si aggiungerà il piacere di costruire i testi e di poter narrare le esperienze più significative della propria esistenza.
Verrà dato particolare risalto a quelle storie personali che, intrecciate insieme, creino una tessitura narrativa che lasci trasparire in controluce le vicende della grande Storia, dunque vedremo la memoria personale che confluisce nella memoria collettiva e viceversa.
Grande importanza verrà data al registro comico e umoristico.
Il percorso sarà il seguente:
– “Fondazione” del gruppo in un clima di fiducia e disponibilità.
– Raccolta del materiale narrativo.
– Creazione di un ordine drammaturgico coerente.
– Elementi di base della recitazione.
– Recitazione applicata ai racconti creati dai partecipanti.
– Tecniche del comico:
Fiducia in sé, fiducia nel gruppo
Improvvisazione comica
Disinibizione e presenza scenica
Studi sulla coppia comica
Il monologo e la scena di gruppo
La “maschera”individuale
La parodia
Ridere “con te” e non “di te”
– Messa in scena.

BRUNO NATALONI
Dopo aver frequentato l’Accademia d’Arte Drammatica capisce qual è la sua grande vocazione: fare il cretino! Continua la sua formazione con Philip Radice (Metodo Lecoq, presso l’Atelier Teatro Fisico di Torino) e Salvo Pitruzzella (Drammaterapia, presso la scuola di artiterapie “La linea dell’Arco” di Lecco).Si laurea al DAMS di Bologna con una tesi sul Teatro Comico. Fonda la compagnia degli Gnorri con Natalino Balasso, Domenico Lannutti (con cui forma anche una più che decennale coppia comica), Corrado Nuzzo e Rita Pelusio.
Ha fatto parte del cast del Laboratorio Zelig di Bologna e della Fabbrica dei Comici dell’Ambra Jovinelli di Roma, con la direzione artistica di Serena Dandini. Ha vinto il Festival dell’Umorismo di Grottammare nel 2004 e, nel 2005, il Premio Tognazzi. In televisione lo abbiamo visto in “Settima Dimensione” (La7) e “Tintoria” (Rai 3).

P.S.: il blog ringrazia Marco Mezzetti per aver segnalato quanto sopra.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Di cose belle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...