Privatizzazione dell’acqua: nel polverone della polemica, la chiara e lucida opinione di Paolo Rumiz

(Immagine tratta da http://news.illecito.com)

A Thule naturalmente nulla esiste che possa costruire un qualche diritto di potere su beni naturali comuni…
La questione della privatizzazione dell’acqua, in primo piano in Italia da qualche giorno, è ancora nella “fase iniziale”, quella delle polemiche, delle proteste, dei muro-contro-muro e della caciara politicante, ovvero nel classico “caos di primo periodo”… Il web trabocca di opinioni, quasi tutte contro, ma appunto è forse utile che il polverone si diradi un poco per capire come agire, e in che direzione; in tal caso, è bene seguire le indicazioni che provengono dalle fonti migliori, senza cogliere qui e là a casaccio…
A parere del blog Paolo Rumiz può ben essere una di quelle fonti: raro giornalista lucidissimo, molto schietto, sovente portatore di opinioni che pochi altri avrebbero il coraggio di sostenere… Per ciò si propongono le sue osservazioni sull’argomento (in un articolo tratto da http://www.libreidee.org/, che a sua volta lo trae da repubblica.it) molto più illuminanti di tante altre che, ragione a parte, forse tendono troppo all’urlo e alla caciara:

«La storia dell’umanità lo dice chiaro. Chi governa l’acqua, comanda. Le prime forme di compartecipazione democratica dal basso sono nate in Italia attorno all’uso delle sorgenti». Lo scontro dunque non è tra pubblico e privato, ma tra controllo delle risorse dal basso e delega totale dei servizi, con conseguente, lucroso monopolio di alcuni. «Oggi potremmo dover rinunciare a un pezzo della nostra sovranità», scrive Paolo Rumiz su “Repubblica” il 18 novembre, data d’inizio della discussione alla Camera del decreto Ronchi che sancisce la privatizzazione delle risorse idriche, affidate alle aziende multi-utility.
Sulla votazione il governo ha posto la fiducia perché, secondo Rumiz, gli italiani potrebbero “mangiare la foglia” se cadesse «la cortina di silenzio che negli ultimi anni ha avvolto il business legato alla distribuzione del più universale e strategico dei beni nazionali». Secondo il giornalista il nodo è economico: coi conti in rosso, lo Stato non ha le risorse per ammodernare la rete idrica, operazione che costerebbe «come otto ponti sullo stretto di Messina». Meglio dunque lasciare l’onere ai privati, che affronterebbero i costi facendo leva sulle tariffe, ovvero sui cittadini. E lo Stato, in questo modo, farebbe cassa.
«Da qui – aggiunge Rumiz – un decreto che, caso unico in Europa, obbliga a mettere in gara tutti i servizi legati all’acqua e accelerarne la trasformazione in Spa, dimenticando che, quasi ovunque le grandi società sono entrate nel gioco, le tariffe sono aumentate in assenza di investimenti sulla rete». Ovvio quindi che, meno se ne parla, meglio è. Proprio contro il silenzio si è levata la voce di Comuni, Regioni come la Puglia e comitati indipendenti, con la mobilitazione di personalità come quella di Alex Zanotelli che accusa: dove le grandi società di gestione sono subentrate, l’efficienza delle reti non è migliorata mentre le tariffe sono salite.
Anche Rumiz sostiene che alcuni servizi non possono essere privatizzati oltre un certo limite, perché se l’acqua finisce nelle dinamiche del mercato finanziario sfugge al controllo dei cittadini: a risponderne non sarebbe più il sindaco ma «un sordo “call center”, piazzato magari a Sydney, Pechino o New York». Secondo Rumiz la guerra dell’acqua dimostra che siamo in presenza di un passaggio epocale, in cui l’acqua e i rifiuti sono ormai il grande affare non dilazionabile, «l’accoppiata perfetta su cui si reggono i profitti delle multi-utility, e parallelamente le ingordigie della criminalità organizzata», attratta dall’oro blu.

Questo il link all’articolo originario:
http://www.libreidee.org/2009/11/rumiz-silenzio-sullacqua-super-business-per-far-cassa/

Annunci

2 commenti

Archiviato in Di buona memoria, Di riflessioni Thuleane..., Di tutto di più!

2 risposte a “Privatizzazione dell’acqua: nel polverone della polemica, la chiara e lucida opinione di Paolo Rumiz

  1. amarezza e avvilimento sono le due situazioni che affliggono qualsiasi persona con un minimo di
    sensibilità sociale, morale e onesta.
    Ma tant’è!!
    che si avveri il detto latino: “Quem Deus perdere
    vult, dementat prius”
    ma intanto il nostro fa tanti danni!
    corrado medeossi – udine

    • Buongiorno Corrado, e grazie per il tuo commento, al quale c’è ben poco da aggiungere… Forse solo che quell’amarezza e avvilimento di cui scrivi, facciano quanto meno da impulso ad una sana e fervida indignazione in chi insiste ancora nel credere che non tutto sia perduto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...