La Svizzera dice basta ai minareti islamici: due significative, opposte opinioni per capire meglio la questione


(Immagine tratta da www.tio.ch)

Al solito da Thule, tenendosi ben lontani dal consueto cicaleccio che in Italia accompagna questioni del genere – e che sovente sconfina nella demenza, purtroppo anche da chi invece ci si aspetterebbe raziocinio… – offre sul risultato del referendum in Svizzera che ha stabilito il divieto futuro di edificazione di nuovi minareti (ma non di luoghi di culto islamici, sia chiaro) due opinioni in merito di senso opposto e particolarmente significative, dacché l’una, critica verso il risultato del referendum, è di Moreno Bernasconi, commentatore del Corriere del Ticino – dunque uno svizzero di un cantone, il Ticino appunto, che a grande maggioranza ha dato l’assenso al referendum; l’altra, risalente a qualche settimana ma assolutamente attuale e favorevole al divieto, è di Sami Aldeeb Abu-Sahlieh, direttore del Centro svizzero di Diritto Arabo e Mussulmano, e curatore di un blog sul sito web della Tribune de Genéve – dunque un arabo (palestinese) di cittadinanza svizzera.

Eccoli, nell’ordine suddetto:

La rabbia e l’orgoglio del Sovrano
di Moreno Bernasconi

Altolà a un Islam conquistatore e fondamentalista che vuole imporre anche in Occidente la legge della sharìa e nega alle donne parità di diritti. Questo è il segnale secco che il popolo e i Cantoni svizzeri mandano al Governo federale, a buona parte delle proprie élite politiche e religiose e alla comunità internazionale. Poco importa se questa immagine dell’Islam non corrisponde all’atteggiamento di centinaia di migliaia di mussulmani moderati che vivono ben integrati in Svizzera e a quello di molti che vivono negli altri Paesi d’ Europa. E poco importa se l’iniziativa plebiscitata rimette in discussione alcuni dei capisaldi dello Stato di diritto elvetico e mette in grave difficoltà le autorità svizzere.
L’attentato alle torri gemelle dell’11 settembre, il terrorismo di matrice islamico ben presente anche in Europa, il proselitismo delle frange radicali che infiltrano le moschee in numerosi Paesi europei hanno contribuito di fatto negli ultimi anni a dare dell’Islam l’immagine che è rimbalzata sui manifesti dei promotori dell’iniziativa e che viene condivisa da buona parte dell’opinione pubblica europea. Se i cittadini degli altri Paesi occidentali potessero votare su temi come questo, il risultato non sarebbe probabilmente diverso…
(leggi qui l’intero articolo)

* * *

Sì all’iniziativa contro i minareti
di Sami Aldeeb Abu-Sahlieh

Un’iniziativa popolare è stata depositata l’8 luglio 2008, provvista di 113’540 firme valide, intesa ad introdurre nell’Articolo 72 della Costituzione un terzo paragrafo che vieta la costruzioni di minareti in Svizzera.
I tre passaggi seguenti presi dal sito degli iniziativisti riassumono le loro motivazioni:
– Il minareto come edificio non ha alcun carattere religioso, ma è il simbolo di quella rivendicazione di potere che, in nome della libertà di religione nega i diritti fondamentali agli altri – ad esempio l’uguaglianza davanti alla legge di tutti, quindi di ambedue i sessi – mettendosi con ciò in contraddizione con “la Costituzione” e con l’ordine legale della Svizzera;
– Con l’iniziativa, si otterrà la garanzia che l’ordine sociale e legale inscritti nella Costituzione mantengano nel tempo in Svizzera la più assoluta validità. Si respingerà così qualsiasi tentativo di certi ambienti islamici di introdurre anche in Svizzera qualche sistema legale orientato verso la Sharia;
– Non viene toccata invece dall’iniziativa la libertà religiosa che è garantita quale diritto fondamentale a tutti dalla nostra Costituzione.
Il Parlamento e il Consiglio federale raccomandano al popolo di respingere questa iniziativa. Le loro motivazioni possono essere riassunte come segue:
– Viola la libertà religiosa.
– Il divieto di edificare minareti non impedirà né la costruzione di moschee né la divulgazione di tesi poco compatibili con i valori del nostro ordinamento giuridico da parte di certi ambienti musulmani integralisti, dentro o fuori una moschea.
– Minaccia la pace religiosa e rischia di radicalizzare una parte della popolazione musulmana;
– Rischierebbe di suscitare reazioni di incomprensione all’estero. Potrebbe altresì accentuarsi la minaccia di attentati terroristici contro la Svizzera.
– Può avere delle ripercussioni negative sulla nostra economia.
Il messaggio federale precisa che l’autorizzazione alla costruzione di minareti “può essere vincolata a una condizione, ad esempio il divieto di usare il minareto per chiamare alla preghiera i fedeli”…
(leggi l’intero articolo qui)

Peraltro, probabilmente hanno anche ragione quelli che sostengono che, sul fondo della questione, sia basata anche una motivazione meramente estetica, ovvero di “estetica del paesaggio“: quello svizzero, inutile osservarlo, è fortemente iconograficizzato e simbolicizzato nella cultura elvetica, e in tal modo esportato come segno distintivo della Conferedazione in tutto il mondo. Come pochi altri, gli svizzeri si fanno rappresentare dal proprio paesaggio tipico, fatto di monti innevati, boschi e alpeggi, baite e campanili appuntiti e tutto quanto di relativo: in questo contesto, molto più che in altri un simbolo avulso da tale cultura risulta di difficile accettazione, estraneo e dunque, per consueta costruzione mentale comune a tutti i popoli del pianeta, potenzialmente “pericoloso” – magari non tanto in senso civico quanto, appunto, principalmente per motivo estetico. Un’estetica che diventa di colpo “diversa” da prima, e che quindi genera un senso di smarrimento e di insicurezza…
In fondo la questione è molto semplice: nella selva di grattacieli di una New York o di una Francoforte, un minareto è molto meno visibile che nell’ordinato e ordinario paesaggio svizzero…

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Della vita..., Di riflessioni Thuleane..., Di tutto di più!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...