Darwin Day 2010: a Bergamo, sabato 20/02 presentazione di “Perché non possiamo non dirci darwinisti”, di Edoardo Boncinelli

Come ogni anno si rinnovano in tutto il mondo le iniziative per il Darwin Day: nel sito web (in lingua inglese) della International Darwin Day Foundation si possono trovare tutte le informazioni in merito – e anche firmare la petizione con la quale, negli USA, si sta chiedendo all’amministrazione Obama di riconoscere ufficialmente il Darwin Day quale festa “legale”; per l’Italia, invece (paese nel quale, per mooooolti versi il Darwinismo deve difendersi più di altri luoghi contro chi non lo vuole ammettere, per meri e medievali fini politico-religiosi… – è il sito pikaia.ue – il portale dell’Evoluzionismo a fare da strumento di aggregazione e informazione sulle varie attività relativa al Darwin Day (con un dettagliato calendario degli eventi), oltre che a tutto il resto che ne consegue.
Cronache da Thule, tra i tanti avvenimenti, segnala quello di Bergamo:


(clicca sull’immagine per scaricare il volantino in formato A4.pdf)

Sabato 20 Febbraio 2010, ore 21.00,
Il Caffè Letterario – Via San Bernardino, 53 – Bergamo:

Presentazione del volume
“Perché non possiamo non dirci darwinisti”
di Edoardo Boncinelli
(Rizzoli 2009)
Sarà presente l’autore.

Festeggiamo il duecentounesimo compleanno di Charles Darwin, padre della teoria dell’evoluzione biologica, insieme a Edoardo Boncinelli, uno dei massimi genetisti italiani.
La teoria dell’evoluzione è solo un’ipotesi, come sostiene il vicepresidente del CNR Prof. Roberto De Mattei, oppure è la base di tutta la biologia che si fa nel XXI secolo?
Con questo libro Boncinelli vuole chiarire che la teoria dell’evoluzione è provata sperimentalmente e che senza di essa la biologia contemporanea non esisterebbe. Come tutte le teorie scientifiche, la teoria dell’evoluzione non spiega tutto, ma questa sua incompletezza, lungi dall’indebolirla, è proprio ciò che distingue la scienza sperimentale dall’ideologia e dalla religione.

Edoardo Boncinelli è nato nel 1941 ed è professore di Fondamenti Biologici della Conoscenza presso l’Università Vita-Salute S. Raffaele di Milano. I suoi studi sul ruolo dei geni homeobox nello sviluppo embrionale del moscerino della frutta Drosophila melanogaster (i cui esiti sono poi stati estesi ai vertebrati e ai mammiferi, fra cui l’uomo) gli hanno dato fama internazionale.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Di cose belle, Di tutto di più!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...