Circolo Mazzini, Bologna: venerdì 26/03 le finali del PREMIO LETTERARIO PANCHINA 2010

VENERDI’ 26 MARZO 2010 AL CIRCOLO MAZZINI IN VIA EMILIA LEVANTE n.6 A BOLOGNA,

FINALI DEL PREMIO LETTERARIO “PANCHINA” PER LE SEZIONI POESIA – RACCONTI – TESTI PER CANZONI

Il premio in palio è la pubblicazione su Il Resto del Carlino

A CONTENDERSI LA VITTORIA NELLA SEZIONE POESIA ANCHE IL POETA, COMICO E ATTORE MARCO MEZZETTI.
PRESENTA MARCO MAGRINI.
LEGGE L’ATTORE FILIPPO PLANCHER.
ALLA CHITARRA DANIELE DALL’OMO.
IN COLLABORAZIONE CON LA CASA EDITRICE ODOYA E CIRCOLO MAZZINI.

INIZIO ORE 21.00 – POSSIBILITA’ DI PRENOTAZIONE E CENA.

Link utili sul web:
http://www.premioletterariopanchina.it/index.htm
http://www.premioletterariopanchina.it/Copia%20di%202010serata_19marzo.htm

Annunci

3 commenti

Archiviato in Di cose belle

3 risposte a “Circolo Mazzini, Bologna: venerdì 26/03 le finali del PREMIO LETTERARIO PANCHINA 2010

  1. vorrei sapere quando appariranno le foto della serata finale, quella del 26 marzo, del Premio Panchina. Sono molto curiosa e mi sono divertita molto. Grazie, alla prossima!

    • Uno spettatore del premio Panchina

      Gent.ma sig.ra Sanguigni, rispondo alla sua domanda con un’altra domanda. Quando appariranno le foto della semifinale del 19 marzo? Penso a tutti i concorrenti di quella sera che non hanno mai potuto vederle…Ma tutto il Premio Panchiana, cara signora, mi ha molto deluso. Una vera buffonata. Ho visto vincere testi banali, dai temi triti e ritriti, testi dove bastava strappare la lacrimuccia o usare le parole sola,assenza,cuore, amore, espressioni banali come “tu fossi accanto a me” ed altre della poesia “vincitrice”..ecc..per ottenere voti. Ho visto un uomo innalzare la bambina e dire che la poesia era per lei, ho visto dedicare testi a defunti e anche questo strappa lacrimucce e voti. Ho visto un sistema di votazione a dir poco carnevalesco dove erano distribuiti volantini a iosa sui tavoli, senza controllo, dove bastava avere più amici al seguito per vincere. Ho visto lasciare la vittoria in mano alla giuria popolare che non capisce la difficoltà dei significati, la magia e le finezze stilistiche di un testo come quello di Mezzetti (unico prefessionista in sala e mi chiedo come mai uno come lui partecipi a queste mascherate…) o l’originalità e il coraggio di quello di Carapezza, arrivato inspiegabilmente ultimo. Mai lasciare la valutazione alla sola giuria popolare, incompetente e formata da molte persone di una certa età sensibili solo a certe parole e temi, “popolari” nel senso negativo del termine. Doveva giudicare una giuria tecnica, al limite, con la giuria popolare solo complementare. Ho visto vincere un racconto sul solito comunista che va in Paradiso..che novità, in un circolo Arci!! Ho visto arrivare secondo il racconto su un defunto, preceduto da una “commovente” introduzione. Poteva non essere premiato?Le poesie poi dovevano essere stampate e messe sui tavoli per ben ricordarle tutte, come i testi delle canzoni. Ho visto il responsabile della casa editrice Odoya reclamizzare al pubblico la loro “disponibilità” a pubblicare a pagamento!! Giusto un intervento di una ragazza a riprendere il loro modo di fare. Ho apprezzato soltanto il testo vincitore della sezione canzoni, gli artisti ed il conduttore. La cosa tragica è che il Resto del Carlino ha pubblicato quelle baggianate senza sapere cosa facesse. Ma mai più andrò a vedere quell’evento in futuro. Le auguro tanta fortuna. Cordiali saluti.

  2. annamaria sanguigni

    Solo oggi, 24 febbraio 2011, mi è capitato di leggere un suo commento che rispondeva ad una domanda: ” Quando si potranno vedere le foto della finale del 19 marzo?”A leggere la sua arrabbiatissima lettera mi sono sentita un pò idiota. Quella famosa sera avevo avuto l’impressione che l’atmosfera del Premio Panchina fosse serena e allegra, niente di più. Del resto sapevamo tutti che non si trattava del Premio Strega.La cosa che mi trova d’accorso è l’impressione che effettivamente il brano vincente su Berlinguer in Paradiso, in un Circolo ARCI non poteva che vincere! Io arrivai seconda con ” La blusa di voile” ( qualcuno non sapeva cosa fosse il voile) la ricorda? A me pareva di aver scritto una piccola cosa, ma di un certo spessore. Mica un granchè, ma con l’intenzione di comunicare senza effetti speciali. Quest’anno non sono stata selezionata, per cui non correrò pericoli di sorta. Se la prossima volta mi chiameranno, ci andrò comunque volentieri, per passare una serata spensierata. Arrivederci e grazie dell’interessamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...