Archivi tag: museo

Il Mart aderisce a “M’illumino di meno”: in 5 anni al museo -40% di consumi per l’illuminazione

Luci soffuse al Mart
Anche il Mart aderisce, il 12 febbraio, a “M’illumino di meno”, la giornata sul risparmio energetico. In 5 anni al Mart -40% di consumi.

Riduzione al minimo dell’illuminazione serale e notturna nella piazza centrale, nella galleria e nei percorsi esterni del Mart.
Sono queste le misure con le quali il Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto partecipa anche quest’anno a “M’illumino di meno”, la giornata per il risparmio energetico promossa dalla trasmissione “Caterpillar” di Radio2.

Il Mart è però da anni costantemente impegnato su questo fronte. Grazie ad un sistema integrato di gestione delle risorse, in questi anni il museo ha già contribuito ad una notevole riduzione dell’illuminazione.
Dal 2004 al 2009 il consumo di Kilowatt/ora per l’illuminazione al Mart è diminuito del 40%.
Tra le misure più efficaci per raggiungere questo risultato vanno segnalati un sistema online di accensione programmato delle luci con sensori di presenza e l’uso di pellicole speciali sulle finestre esposte al sole.
In futuro il Mart punta a ridurre ulteriormente i consumi sostituendo le lampade con sistemi LED.

Infos generali:
MartRovereto
Corso Bettini, 43
38068 Rovereto (TN)

Informazioni per la visita e prenotazioni:
numero verde 800 397 760
tel. +39 0464 438 887
info@mart.trento.it
www.mart.trento.it

Orari:
mar.–dom. 10.00-18.00, ven. 10.00-21.00. Lunedì chiuso.

Biglietti:
intero: euro 10
ridotto: euro 7
gratuito fino a 18 anni e sopra i 65
scolaresche: euro 1 per studente
biglietto famiglia (valido per tutti i componenti di un nucleo famigliare): euro 20; gratuito per gli Amici del Museo
biglietto ONEx4 euro 15, ingresso a 4 musei di Rovereto, validità 1 mese

Lascia un commento

Archiviato in Di cose belle, Di tutto di più!

L’ARS ELECTRONICA CENTER di Linz, ovvero: benvenuti nel museo del futuro!

L’AECArs Electronica Center di Linz, in Austria, è probabilmente ad oggi il museo più moderno del mondo, perfetto contenitore contemporaneo per l’analoga arte che offre, cioè quella elettronica. E, appunto, un simile edificio non poteva che essere qualcosa di veramente particolare, architettonicamente innovativo e sovversivo: una sorta di astronave luminosa incredibilmente atterrata nel centro della barocca Linz, con le proprie facciate esterne – complessivamente 5.100 mq. – che rappresentano una delle più grandi superfici LED esistenti al mondo, cambiando continuamente colore e mutando olisticamente l’intero paesaggio urbano…

aec1
aec2
aec3
aec4

Un luogo assolutamente da visitare, e da vivere

Il sito web dell’AEC: http://www.aec.at/index_en.php
Sul nuovo edificio: http://www.aec.at/center_building_en.php
QUI ogni utile informazione per la visita, e QUI la brochure del museo (in PDF).

2 commenti

Archiviato in Di cose belle

Museo d’Arte di Lugano: fino al 21/02/2010 “Corpo, automi, robot. Tra arte, scienza e tecnologia”

MDA carta lettera10

Fino al 21 Febbraio 2010,
Museo d’Arte di Lugano:

Corpo Automi Robot
Tra arte, scienza e tecnologia.

Corpo_automi_robot

Il Museo d’Arte, nell’ambito delle iniziative promosse dal Polo Culturale della Città di Lugano, organizza, in collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta di Milano e con la partecipazione del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano e del Museo Cantonale d’Arte di Lugano la mostra “Corpo, automi, robot. Tra arte, scienza e tecnologia”, la quale affronta con un approccio interdisciplinare il rapporto tra il corpo umano e la rappresentazione che di esso è stata data da parte delle arti, della scienza e della tecnologia, soprattutto per quanto riguarda la dinamica dell’imitazione del corpo (con gli automi) e della sua sostituzione (con i robots).

L’esposizione allestita al Museo d’Arte e a Villa Ciani, è a cura di Bruno Corà (Direttore del Museo d’Arte e Coordinatore del Polo Culturale di Lugano), Pietro Bellasi (Curatore della Fondazione Antonio Mazzotta e Professore di sociologia presso l’Università di Bologna), Gilles Caprari (Ricercatore in robotica ETHZ e Direttore della GCtronic Robotica, Mendrisio), Christoph Hänggi (Direttore del Museum für Musikautomaten, Seewen), Mario G. Losano (Professore di Filosofia del Diritto e Informatica giuridica, Università del Piemonte Orientale), Carlo Piccardi (Musicologo), Pio Pellizzari (Direttore della fonoteca nazionale svizzera, Lugano), Renato Reichlin (Direttore del Settore Spettacoli della Città di Lugano), Vivi Vassillopoulou (Direttrice delle Antichità e del Patrimonio Culturale della Grecia, Ministero greco della cultura, Atene).

Il Museo Cantonale d’Arte, collabora al progetto approfondendo la tematica del volto con una mostra intitolata “Guardami. Il volto e lo sguardo nell’arte 1969-2009” a cura di Marco Franciolli, (Direttore, Museo Cantonale d’Arte) e Bettina Della Casa (Curatrice, Museo Cantonale d’Arte).

La mostra si articola in due sezioni: la prima, allestita a Villa Ciani, ripercorre la storia degli automi, proponendo un excursus dalla Grecia classica ai nostri giorni e includendo alcuni prodotti della più avanzata tecnologia quali robot, androidi, ecc. La seconda, presentata al Museo d’Arte dà spazio alla riflessione sulla creazione artistica dell’età moderna e contemporanea incentrata sul rapporto corpo-macchina e corpo-tecnologia.

Reperti archeologici, disegni, libri a stampa, documenti relativi, al teatro, al cinema e alla musica, varie tipologie di automi -fra i quali il celebre disegnatore di Jacquet-Droz- realizzati nel XVIII secolo, giocattoli, dipinti, sculture, video, installazioni, robot industriali e ludici sono presentati seguendo un allestimento a carattere prevalentemente cronologico, senza peraltro escludere ibridazioni di tipo tematico, tali da consentire la messa in dialogo delle opere esposte, provenienti da diverse raccolte sparse in tutto il mondo.

Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano partecipa con sei modelli storici di macchine costruite negli anni ‘50 partendo dall’interpretazione dei disegni di Leonardo da Vinci e dedicate allo sviluppo di automatismi o alla traduzione di forme animali e umane, come le strutture alari e il palombaro.

“Corpo, automi, robot. Tra arte, scienza e tecnologia” costituisce l’offerta culturale più rilevante della Città di Lugano nell’autunno 2009. Il progetto infatti prevede numerose manifestazioni collaterali tra cui una rassegna cinematografica a cura del cineclub Luganocinema93, una serie di iniziative organizzate da Oggi Musica e una serie di spettacoli teatrali nell’ambito della stagione teatrale luganese.

Il catalogo bilingue (italiano/inglese) edito da Mazzotta, contiene la riproduzione a colori di tutte le opere presenti in mostra e i contributi critici dei curatori e di esperti di diverse discipline: dalla storia all’arte, alla musica, al teatro, al cinema, all’ingegneria.

> Qui una selezione delle opere esposte.

Infos:
FINO AL 21 FEBBRAIO 2010
Da martedì a domenica 10.00 – 18.00
e 28 dicembre 10.00 – 18.00
24 dicembre 10.00 – 14.00
1 gennaio 14.00 – 18.00
chiuso il lunedì e 25-26 dicembre
Villa Malpensata – Villa Ciani, Lugano.
> Ulteriori dettagli per organizzare la visita.
Per ogni altra informazione: http://www.mdam.ch/index.cfm

Lascia un commento

Archiviato in Di cose belle

Museo d’Arte di Lugano: on line il nuovo sito web

MDA carta lettera10

Un nuovo sito per il Museo d’Arte di Lugano

In concomitanza con l’apertura della mostra “Corpo Automi Robot. Tra arte, scienza e tecnologia”, il Museo d’Arte di Lugano si dota di un sito istituzionale totalmente rinnovato che si inserisce nella piattaforma web della Città di Lugano. Il nuovo sito è
www.mda.lugano.ch
e si presenta in una veste grafica dinamica e accattivante che intende offrire alle diverse tipologie di utenti informazioni chiare e precise sulle proposte espositive e sull’insieme delle attività e dei progetti che vedono coinvolto il Museo d’Arte.
Oltre alle informazioni inerenti l’esposizione in corso, il sito accoglie una sezione dedicata alla collezione delle opere d’arte della Città, che sarà implementata in un secondo tempo, una voce denominata “Educational” che presenta le attività educative e di alta formazione e una sezione dedicata al Polo Culturale di Lugano.
La sezione “Agenda” funge infine da collettore di tutti gli eventi che ruotano attorno al Museo permettendo così all’utente di essere costantemente aggiornato sulle attività proposte.
All’interno della voce “Pubblicazioni” è data la possibilità all’utente di accedere a tutti i cataloghi delle mostre del Museo pubblicati dopo il 1992, di verificarne rapidamente la disponibilità e di richiederne uno o più esemplari.
È inoltre attiva l’area stampa riservata ai professionisti che operano nel campo dei media che potranno così accedere, in anteprima, a tutte le informazioni utili, scaricare immagini e testi relativi alla mostra in corso e in programma.
Completa il sito una sezione dedicata all’archivio delle mostre precedenti ospitate al Museo d’Arte di Lugano.

Per ogni altra informazione:
Museo d’Arte Lugano
Direzione: Dicastero Attività Culturali
Villa Saroli, Viale Stefano Franscini 9
CH-6900 Lugano
Tel. 0041 (0)58 866 72 01
Fax. 0041 (0)58 866 74 97
Sede espositiva:
Tel. 0041 (0)58 866 72 14
Fax. 0041 (0)58 866 74 97
Infos per raggiungere e visitare il museo: http://www.mdam.ch/info/informazioni.cfm

Lascia un commento

Archiviato in Di cose belle