01 Novembre 2010: “Cronache da Thule” si trasforma in I DIARI DI THULE, il nuovo blog di Luca Rota!

1 Novembre 2010: è nato I Diari di Thule, il nuovo blog di Luca Rota!

Non aspettatevi il “solito” blog… I Diari di Thule sono qualcosa di assolutamente insolito, particolare, fuori dal web-comune… Un blog come difficilmente ne avrete visti di simili, nel quale ritrovate e ritroverete la sostanza di Cronache da Thule e, se possibile, moooolto di più…
Ah, peraltro: I Diari di Thule sono veramente un diario – voglio dire, veramente

SAVE THE LINK! I DIARI DI THULE, il nuovo blog di Luca Rota!

3 commenti

Archiviato in Della vita..., Di buona memoria, Di buone letture, Di buoni ascolti, Di cose belle, Di nuove letture, Di riflessioni Thuleane..., Di tutto di più!

– 1 GIORNO! Domani, 1 Novembre 2010, nascono “I Diari di Thule”, il nuovo blog di Luca Rota!

1 Novembre 2010: nascono I Diari di Thule, il nuovo blog di Luca Rota!

Non aspettatevi il “solito” blog… I Diari di Thule sono qualcosa di assolutamente insolito, particolare, fuori dal web-comune… Un blog come difficilmente ne avrete visti di simili, nel quale ritrovate e ritroverete la sostanza di Cronache da Thule e, se possibile, moooolto di più…
Ah, peraltro: I Diari di Thule sono veramente un diario – voglio dire, veramente

CLICCANDO SULL’IMMAGINE QUI SOPRA POTETE GIA’ VISITARE IL BLOG, IN BUONA PARTE ATTIVO!
E in ogni caso…
…01 Novembre 2010: I Diari di Thule, save the date!

Lascia un commento

Archiviato in Della vita..., Di buona memoria, Di buone letture, Di buoni ascolti, Di cose belle, Di nuove letture, Di riflessioni Thuleane...

– 2 GIORNI! Il 1 Novembre nascono “I Diari di Thule”, il nuovo blog di Luca Rota!

1 Novembre 2010: nascono I Diari di Thule, il nuovo blog di Luca Rota!

Non aspettatevi il “solito” blog… I Diari di Thule sono qualcosa di assolutamente insolito, particolare, fuori dal web-comune… Un blog come difficilmente ne avrete visti di simili, nel quale ritrovate e ritroverete la sostanza di Cronache da Thule e, se possibile, moooolto di più…
Ah, peraltro: I Diari di Thule sono veramente un diario – voglio dire, veramente

CLICCANDO SULL’IMMAGINE QUI SOPRA POTETE GIA’ VISITARE IL BLOG, IN BUONA PARTE ATTIVO!
E in ogni caso…
…01 Novembre 2010: I Diari di Thule, save the date!

Lascia un commento

Archiviato in Della vita..., Di buona memoria, Di buone letture, Di cose belle, Di nuove letture, Di riflessioni Thuleane..., Di tutto di più!

– 3 GIORNI! Il 1 Novembre nascono “I Diari di Thule”, il nuovo blog di Luca Rota!

1 Novembre 2010: nascono I Diari di Thule, il nuovo blog di Luca Rota!

Non aspettatevi il “solito” blog… I Diari di Thule sono qualcosa di assolutamente insolito, particolare, fuori dal web-comune… Un blog come difficilmente ne avrete visti di simili, nel quale ritrovate e ritroverete la sostanza di Cronache da Thule e, se possibile, moooolto di più…
Ah, peraltro: I Diari di Thule sono veramente un diario – voglio dire, veramente… Vedrete!

01 Novembre 2010: I Diari di Thule, save the date!

Lascia un commento

Archiviato in Di buona memoria, Di buone letture, Di buoni ascolti, Di cose belle, Di nuove letture, Di riflessioni Thuleane..., Di tutto di più!

Chiari (BS), sabato 15 Novembre 2010, ore 15.00: presentazione di LA MIA RAGAZZA QUASI PERFETTA alla 8a edizione della Rassegna della MicroEditoria Italiana

Sono lieto e onorato di comunicarvi che sabato 13 Novembre 2010, alle ore 15.00, grazie alla presenza di Sensoinverso Edizioni con un proprio stand alla Rassegna della Microeditoria di Chiari (BS) – che si svolgerà il 12, 13 e 14/11 presso Villa Mazzotti Biancinelli – presenterò il mio ultimo romanzo La mia ragazza quasi perfetta.
Sarà presente l’editore, e nella stessa occasione Sensoinverso presenterà anche il sorprendente “Amore in caduta libera” di Antonella Perilli, romanzo da pochissimo uscito sul mercato.

Cliccate sull’immagine in testa al post per leggere e scaricare il comunicato stampa ufficiale della presentazione, e per ogni altra utile informazione in merito visitate l’ottimo sito web ufficiale dell’evento www.rassegnamicroeditoria.it.

Per conoscere meglio – e, mi auguro, farsi conquistare! – da La mia ragazza quasi perfetta, cliccate QUI.

Dunque, sabato 15 Novembre, ore 15.00, Rassegna della MicroEditoria di Chiari: non mancate, vi aspetto numerosi!

Lascia un commento

Archiviato in Di buona memoria, Di buone letture, Di buoni ascolti, Di cose belle, Di tutto di più!

“Boom megastore, dove il libro piace ma vive di meno”: da La Stampa del 25/10 un interessante articolo di Giuseppe Culicchia sullo stato del mercato editoriale italiano

Ringraziando Sensoinverso per la segnalazione, Cronache da Thule vi propone qui l’articolo firmato da Giuseppe Culicchia sulla situazione attuale del mercato editoriale italiano, apparso su La Stampa del 25 Ottobre 2010.

Articolo per gran parte inevitabilmente amaro nel tono, che sottolinea come il suddetto mercato editoriale nostrano stia sempre più assomigliando, assurdamente, a quello immobiliare, e dove i libri ormai si misurano in termini di “redditività al metro quadro” più che di precipua bontà letteraria… E altrettanto assurda è l’evidenza di quanto stanno combinando i grandi megastore citati da Culicchia nell’articolo, spacciati dalle pubblicità mediatiche come fondamentali presidi culturali ma in realtà, ragionando con quel metro di giudizio “edile” appena citato, divenuti agenti inquinanti della coscienza culturale diffusa – ad esempio attraverso il meccanismo dello sconto, che i piccoli editori di qualità non si possono permettere e che dai grandi gruppi viene utilizzato per ingolfare i punti vendita (e i comodini di molti lettori poco attenti) di libri di scarsissima qualità perché scritti per generare guadagno, non cultura letteraria… Pure loro, quei luccicanti megastore, si stanno tirando una gran zappata sui piedi, fingono di non saperlo ma lo sanno bene e infatti, piuttosto ipocritamente, stanno cercando di arraffare più guadagno possibile, prima che anche quella minoranza di lettori più o meno forti diventi sempre più esigua e sparisca poi del tutto, soffocata nell’omicidio/suicidio del mercato editoriale italiano…

La cultura, appunto: in Italia è ormai dominante (e pure ufficializzata a livello governativo) la regola per la quale “la gente non mangia cultura”… Culicchia ha ragione: bisogna conquistare quei lettori “medi” che potrebbero tranquillamente acquistare qualche buon libro in più, ma farlo qui, in Italia, equivale ormai a combattere una sorta di guerra contro un nemico che pretende la più funzionale ignoranza per preservare la propria forza, regalando in cambio spensieratezza antidolorifica a palate, soprattutto mediatica – quando invece, non a caso, di buona cultura in TV se ne vede ben poca, a parte qualche raro caso…
Beh, se solo quei lettori comprendessero che oggi, in Italia, leggere libri è una delle attività più anticonformistiche che si possano fare, un vero e proprio nuovo status symbol virtuoso capace di distinguere l’individuo cool da quello rozzamente rincoglionito da troppa fuffa mediatica!
Fate voi: tenete conto che quasi 2/3 degli italiani non leggono nemmeno un libro all’anno, poi guardatevi intorno e constatate lo stato comatoso generale in cui giace la società italiana: non trovate che sia opportuno leggere un po’ di più?

Cliccate sull’immagine qui sotto dell’articolo per leggerne la versione originale dal sito de La Stampa:

Lascia un commento

Archiviato in D'ira, Di buona memoria, Di buone letture, Di riflessioni Thuleane..., Di tutto di più!

“Luoghi sacri della lettura”: le più belle e sorprendenti librerie del mondo

Il sito svizzero www.miragebookmark.ch (dedicato ai segnalibri come oggetti d’arte, in lingua inglese), riserva una propria sezione ad una carrellata di immagini sulle più interessanti librerie del mondo: luoghi veramente incredibili, a volte maestosi, altre volte bizzarri, in ognuno dei quali il libro la fa’ da padrone. Dei luoghi sacri della lettura, in buona sostanza, nei quali l’acquisto di un libro non risulta una mera azione “commerciale”, almeno in principio, ma quasi la pratica di un rito: un rito assolutamente positivo sia per il lettore che per il libro stesso, che sicuramente sembrerà bello ancor prima di leggerlo, già per il solo fatto di essere stato acquistato in librerie del genere!
Se cliccate sull’immagine qui sotto, relativa al Selexyz Bookstore di Maastricht, in Olanda, potrete vedere l’intera serie di immagini e di librerie – tra le quali, c’era da aspettarselo, non ce n’è alcuna italiana…

Lascia un commento

Archiviato in Di cose belle, Di tutto di più!